mercoledì 15 febbraio 2017

Auditorium Parco della Musica, una visita nel ventre della balena


Il posto in cui, qui a Roma, mi sento veramente a casa e felice di esserci ogni volta che ci capito, è proprio lui, l'Auditorium Parco della Musica.

Ieri per San Valentino, per il secondo anno consecutivo, il Parco ha organizzato un evento social con tanto di hashtag: #IloveAuditorium e #openAuditorium.
Si trattava di una visita guidata nel backstage dell'Auditorium, in quei luoghi in cui l'arte la si crea, la si produce, la si progetta e realizza, quei luoghi sacri in cui c'è la vera vita di ogni corpo culturale, lì dove, proprio come il cuore di ogni essere vivente, c'è una macchina organizzativa e artistica pulsante ed energica a tal punto da dar vita alle meraviglie sul palco, a cui ogni spettatore può assistere e di cui può fare esperienza, unica e personalissima.
Chi mi legge da un po' avrà già immaginato che non potevo che cogliere la palla al balzo, e sì, mi sono catapultata lì ieri pomeriggio, in quel luogo magico e sospeso fra sogno e realtà.

AD José Ramón Dosal Noriega e Lucia Ritrovato - Auditorium Parco della Musica - Roma
L'AD José Ramon Dosal Noriega ci accoglie
Punto di ritrovo, alle 18:15, presso l'ingresso degli artisti, e sì perché abbiamo percorso proprio le loro strade, siamo saliti per le scale raggiungendo il primo piano e di lì, davanti al plastico dell'Auditorium Parco della Musica è partito il nostro tour guidato, introdotto da José Ramon Dosal Noriega, l'amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma, appassionato e accogliente proprio come il buon padrone di casa, pensate che prima dell'introduzione, quando ancora nessuno di noi accorsi lì sapeva realmente chi fosse, è passato personalmente a salutare ciascuno di noi con una cesta di Ferrero Rocher fra le mani offrendone a tutti :).

Eravamo in molti, credo oltre cento, ci siamo divisi in due gruppi, l'uno accompagnato da Lucia Ritrovato (responsabile comunicazione strategica della Fondazione Musica per Roma) e l'altro dalla squisitissima Valérie, del cui gruppo facevo parte.



Plastico Auditorium Parco della Musica - Roma
Dettaglio del plastico, Cavea dell'Auditorium Parco della Musica
Vi mostro qui alcune immagini del plastico del progetto dell'Auditorium realizzato dal magnifico Renzo Piano (sì magnifico, credo sia il termine più adatto).
In primis un dettaglio della Cavea, l'ampio spazio esterno che per prima accoglie i visitatori e che in estate assurge a teatro arena, palcoscenico di concerti indimenticabili (ve ne ho raccontati un paio qui: 2Cellos e Stefano Bollani e l'Accademia di Santa Cecilia). Ecco a seguire una visione laterale dell'intero plastico.

Plastico Auditorium Parco della Musica
Vista laterale del plastico dell'Auditorium Parco della Musica

Partiamo con Valérie dal Corridoio degli artisti o dell'anulare che congiunge le tre sale, la piccola Petrassi, la media e centrale Sinopoli e la sala madre, Santa Cecilia.
Nato per ridare una casa all'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il progetto dell'Auditorium del Parco della Musica, ha riqualificato l'intera area in cui sorge, ridandole dignità e brillantezza, fino a diventare nuovo polo turistico romano. Prima dei lavori di realizzazione, infatti, l'area versava in uno stato di degrado e abbandono, diventato luogo di prostituzione.

Tornando al nostro tour, lungo il corridoio incontriamo gli spogliatoi (camerini) per gli artisti, radio, sale prove, ogni angolo pensato e progettato per ottenere una massima ottimizzazione acustica e sonora, persino le toilettes! Passeggiando, ci soffermiamo dinanzi a quello che è il sito dell'Alta Formazione Education, dedicato ai bambini e ragazzi, perché fondamentale missione della Fondazione è proprio quella di educare i giovani alla musica sin da piccoli, con loro e per loro si creano laboratori ad hoc, si progettano idee future all'interno di una macchina organizzativa incredibile.

Il Bar degli Artisti
A metà percorso, diretti alla sala madre, incontriamo il Bar degli artisti, quello a cui solo loro e gli addetti ai lavori possono accedere.
Eccolo  qui accanto con la nostra Valérie, che subito dopo, usciti dal bar, ci ha spalancato le porte del terrazzo antistante per farci ammirare dall'alto gli scavi archeologici che, scoperti nel 1995, durante i lavori di costruzione dell'Auditorium, bloccarono gli stessi lavori per ben due anni.
Parte dei ritrovamenti archeologici durante i lavori di costruzione
Sono vasche romane risalenti al 3/400 a.C. facenti parte del Museo Archeologico che si trova all'interno del Parco, insieme ad altri due musei, il Musa, Museo degli Strumenti Musicali dell'Accademia, e il Museo Aristaios, in cui sono conservati ben 161 reperti archeologici, i più antichi risalenti al 3200 a.C. acquistati dal MiBact dagli eredi del Maestro Giuseppe Sinopoli, che ne era dedito collezionista.
Nancy e Santa Cecilia :D
Da questa visuale privilegiata, Valérie continua a raccontarci l'Auditorium, la sua nascita e le sue sale.
La sala Sinopoli, è la sala centrale, quella che, entrando dal cancello principale del parco, incontriamo difronte a noi, sopra la tribuna centrale della Cavea. È la sala media, orientata verso la città, è la più spartana, pensata per l'incontro, flessibile e per questo adatta a più generi musicali. A sinistra vi è la sala Petrassi, un gioiellino, è la più piccola, completamente in legno, ed è un vero e proprio teatro musicale, pensato e ottimizzato per la migliore diffusione sonora della voce.
La sala madre, la più grande, progettata e realizzata per l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, è l'omonima sala sinfonica Santa Cecilia, la più grande d'Europa, fortemente mediatica, è definita la "Balena di Pinocchio", realizzata in ciliegio americano, consta di ben 2756 posti, omaggio di Renzo Piano alla città di Roma che nell'anno dell'inaugurazione dell'Auditorium (2002) compiva proprio 2756 anni. Le vele del soffitto, in legno di ciliegio americano anche queste, sono sospese e flessibili, vengono posizionate in modo differente a seconda dell'evento che ospita e dei musicisti che accoglie sul palco. Persino le poltrone sono pensate e realizzate in modo da assorbire in egual misura le frequenze, sia che ci sia seduto qualcuno sia che non vi sia, in modo da non alterare l'esperienza degli spettatori in sala, indipendentemente dal numero di posti occupati. Inoltre sotto ogni poltroncina, vi sono i silenziosi bocchettoni dell'impianto di condizionamento, in modo tale da creare intorno a ciascun spettatore il microclima adatto alla migliore esperienza di ascolto. A differenza della sala Petrassi, la piccola sala teatro realizzata completamente in legno, la sala Santa Cecilia ha le pareti perimetrali in cartongesso e ondeggianti per il rimbalzo del suono e il riverbero. Tutto è stato pensato nei minimi dettagli al fine di fornire la migliore esperienza possibile sia per lo spettatore sia per l'artista.

Tornando alla parte esterna dell'auditorium, la struttura è realizzata completamente in cemento armato, rivestita di mattoncini romani, realizzati in modo artigianale, tant'è vero che nessuno di loro è identico all'altro, pensati anch'essi per ottimizzare l'esperienza sonora. Mentre le parti esterne delle tre sale sono rivestite di strati di piombo, come molte chiese romane (ci ricorda Valérie che in fondo è nelle chiese che la musica nacque), un materiale voluto da Renzo Piano anche perché è in grado di raccontare il trascorrere del tempo, e proprio come la cupola di San Pietro, quelle coperture che ora avvistiamo grigio plumbeo, un giorno saranno bianche.

Ingresso principale dell'Auditorium parco della Musica - Cavea


Consolle della sala di registrazione dell'Auditorium


Lasciamo la sala madre, per curiosare in quella che è la sala regia della sala Sinopoli, in cui incontriamo, oltre alla mega consolle che notate in foto, Roberto Catucci, Responsabile di produzione dell'etichetta discografica della Fondazione Musica per Roma (sì esiste anche un'etichetta discografica, non ne sapevo niente neanche io fino a ieri), che, accanto a Massimiliano Cervini, Responsabile dello studio di registrazione dell'Auditorium, ci illustra tutta la magia della produzione musicale che si realizza proprio all'interno dell'Auditorium. Un incontro che ha arricchito tutto il gruppo, soprattutto me, che di studi di registrazione ne ho visti, ma vi assicuro, questo è il non plus ultra!

Inoltre, l'informazione interessante e che non tutti conoscono, è che le sessioni di registrazione in Auditorium sono aperte al pubblico e assolutamente fruibili.
Molti sono gli eventi a costo zero, o quasi, per gli spettatori dell'Auditorium del Parco della Musica, nell'ottica di rendere la struttura e i suoi contenuti assolutamente democratici e accessibili a tutti, come l'arte, e fra queste in particolare la musica, è, per tutti e di tutti, e l'Auditorium Parco della Musica di Roma, vuole essere la casa internazionale per la musica di Roma!

P.s. L'Auditorium ospita oltre 1500 eventi all'anno, tutti gli spazi della struttura vengono utilizzati anche per eventi privati, che consentono oggi la registrazione di un bilancio attivo della Fondazione, tanto che l'Auditorium è in grado di autofinanziare per il 70% le sue attività, che proprio in ragione di questo sono rese accessibili a tutti.

Se passate per Roma non mancate di visitarlo e viverlo: qui tutto si eleva, tutto è sospeso ed è proteso verso il Cielo, www.auditorium.com

Buona musica a tutti!




domenica 12 febbraio 2017

Veon la nuova app di Wind, non conventional marketing sensazionale



Veon - Wind app

Ieri, ha attratto la mia attenzione, un video sponsorizzato su Facebook, della nuova app di Wind: Veon.
Sono un'utente Wind, soddisfatta, tanto è vero che appena ho potuto ho attivato anche il contratto Adsl con la compagnia, ma pur conoscendo la nuova app, e pur avendola scaricata, non l'avevo ancora attivata..fino a ieri, quando ho guardato il video di cui sopra.
Hanno messo su un'azione di marketing non convenzionale davvero divertente (avrei voluto essere a Milano per pigiare il bottone!).

Guardate un po' ;)
(attenzione al volume è impostato al massimo!)



Veon, è un app che consente di fare una serie di operazioni (chattare, condividere foto e video, fare chiamate internet) che già ampiamente facciamo con altre diverse app conosciutissime, in cosa esattamente si differenzi dalle altre non mi è ancora ben chiaro. Tuttavia il vantaggio per i clienti Wind con un'offerta internet attiva, è nel fatto che le operazioni internet che avvengono tramite Veon consentono di non consumare Giga fino a fine aprile 2017.

Staremo a vedere quali saranno le prossime mosse per invitare sempre più clienti ad utilizzare l'app, per ora l'iniziativa di marketing in tuta gialla e mega balls arancioni, pare abbia divertito molti :D


martedì 7 febbraio 2017

Picasso, che passione!

A Picasso, l'artista più ricercato e amato del XX secolo, è dedicata la mostra fotografica esposta al Museo Ara Pacis di Roma, fino al 19 febbraio 2017.


Siamo in un sabato pomeriggio all'insegna del relax di fine novembre. In una Roma dal clima ancora molto mite, scorrendo gli eventi in città, con un amico, ottimo compagno di mostre (*), decidiamo di regalarci un po' d'arte e scegliamo il padre del cubismo.

Dopo una lunga passeggiata post pranzo, da San Lorenzo a via del Corso, iniziamo il nostro viaggio fotografico in compagnia di un inedito Picasso, all'Ara Pacis.

Come ogni mostra che si rispetti, iniziamo la passeggiata con la biografia dell'artista. Lo confesso, a metà lettura mi sono persa e ho dovuto chiedere aiuto a chi era con me per riuscire a tenere il conto.. è incredibile quante donne abbia avuto il buon Pablo!

Picasso Images - Roma, Ara Pacis
14 ottobre 2016, 19 febbraio 2017
L'esposizione si articola in tre sezioni, nelle quali assistiamo nell'ordine a fotografie sperimentali del Maestro che esplora lo strumento fotografico per capirne le potenzialità al servizio della sua arte;
Picasso si fa fotografare in diverse fasi della realizzazione delle sue opere a testimoniare l'avanzamento dei lavori, per poi incontrare durante il percorso espositivo, gli scatti affidati a fotografi d'avanguardia come Brassaï e Dora Maar, che ben presto diventerà sua compagna. Nella terza e ultima sezione, che presenta scatti risalenti agli anni del dopoguerra e seguenti, ritroviamo l'artista maturo che utilizza la fotografia come vero e proprio strumento pubblicitario per promuove la propria immagine di artista così come lo conosciamo oggi.

Le oltre duecento fotografie esposte, sono accompagnate da alcuni dipinti, sculture e opere grafiche del Maestro spagnolo, provenienti dal Musée national Picasso-Paris, da cui giungono anche tutte le fotografie della mostra Picasso Images all'Ara Pacis fino al 19 febbraio 2017.

È stato un bel pomeriggio il nostro, ci siamo immersi nel viaggio alla scoperta di un personaggio egocentrico, ma allo stesso tempo simpatico, semplice, geniale, sicuro e consapevole di quello che rappresentava la sua arte e che tuttora rappresenta per il mondo intero.

Piccola digressione romantica: Picasso in moltissime foto appare in pantofole, sembrano essere state comode, confortevoli, calde, morbidose e rigorosamente a quadri! :D

Mostra approvata e consigliata, specie per gli amanti delle foto ricordo e dei selfie/foto profilo, Picasso ha battuto tutti sul tempo, decisamente.

Restano solo pochi giorni, accorrete :)
Buona visione a tutti!

(*) Scegliete bene le persone con cui guardare le mostre, ogni percorso espositivo è un viaggio, e ogni viaggio simula la vita, ha bisogno di momenti di riflessione, di condivisione, e momenti ilari e gaudiosi. Non è vero che mostre e musei son noiosi, a me divertono un sacco, ma solo se sono con la persona giusta, proprio come nella vita.

mercoledì 21 dicembre 2016

Come te nessuno mai, ma resto "Single per legittima difesa"

Metti una mia ex-collega, oggi brava giornalista, di quelle brave che ne son rimaste in poche, e quando dico brava, dico brava.

Metti che questa mia ex-collega è napoletana, e quindi vince anche solo per questo.

Metti che questa ex-collega, sempre lei, è simpatica, ma simpatica simpatica, di quelle che è sempre salutare leggere i suoi post su Facebook la sera prima di addormentarti, così checché ti sia accaduto durante la giornata, ti addormenti col sorriso, sempre.

Metti che sei single, o lo sei stata, o lo sei stato.

Metti che sei donna, o uomo, o sei fortunato e lo sei entrambi.

Ecco se stai messo o messa così, il libro che ti consiglio per Natale, e anche per dopo, da tenere sul comodino, o anche in borsa, nello zaino, insomma dove ti pare, è proprio il suo.

Sì il suo, quello di Nunzia, la mia ex-collega, proprio lei, Nunzia Marciano.
Il suo libro, che sta spopolando sul web e ovunque, è "Single per legittima difesa" (ségnalo ;).

Si acquista online (qui o sul sito dell'editore), arriva a casa in due, tre giorni al massimo, ma se sei fortunato e vivi o passi per Napoli, lo trovi in Feltrinelli, quella della stazione, che appena scendi dal treno e sorpassi i binari te la ritrovi sulla sinistra.

"Single per legittima difesa" di Nunzia Marciano
"Single per legittima difesa"
di Nunzia Marciano
Alessandro Polidoro Editore
Io l'ho preso in doppia versione, kindle e cartacea (eccomi qui accanto, soddisfatta all'arrivo della mia copia - non badate al mio faccione appena sveglio, il soggetto è il libro); quella cartacea è sul comodino, quella kindle ovunque con me :D.

Comincio la lettura dei miei libri sempre dalla prefazione, lo sapete. E così ho fatto anche con "Single per legittima difesa". Molti di solito passano oltre per arrivare al dunque e iniziare la lettura, ma in questo caso, consiglio di soffermarvi sulla prefazione, vi preparerà al seguito.

Quando passerete alle pagine in cui Nunzia scrive e racconta in prima persona, leggete con un accento leggermente napoletano, vi aiuterà ad entrare nel personaggio. Anzi nei personaggi. E sì perché "Single per legittima difesa"  parla di Nunzia, di me, di te, di noi tutti (anche se napoletani non si è).

L'autrice passa in rassegna diverse situazioni tragicomiche che possono capitare quando si è "soli", e lo fa in modo al tempo stesso scanzonato e profondo, come solo Nunzia riesce. E vi ritroverete anche a chiedervi come caspiterina faccia!

Tutto parte dai suoi divertentissimi post su Facebook, in cui racconta le sue peripezie e quelle capitate a sue amiche e/o conoscenti. I soggetti son sempre due di solito, una lei e un lui, e la reazione di lei all'azione di lui (che sarebbe meglio talvolta non agisse affatto).

Nel libro, Nunzia spiega le dinamiche reali dietro ogni singolo post.

Per rendervi l'idea vi lascio con uno dei post che incontrerete nel libro, il resto lo scoprirete divertiti e ad un certo punto vi scoprirete a riflettere:

post dell'11 giugno 2015

'Ti scrive.
Ti chiede il numero.
Ti invita a: caffè-pranzo-cena-week end fuori-vacanza alle Maldive-comunione del nipote-funerale del prozio.
Ti viene il dubbio: "Ma mica sei fidanzato-sposato-impegnato o qualunque altra cosa finisca in -ATO?"
"Sono fidanzato... Perché?"
Lo uccidi.
Ti assolvono.'

Buona lettura!
"Single per legittima difesa" di Nunzia Marciano, Alessandro Polidoro Editore.